Thriller

I 10 migliori thriller della storia del cinema

Attenzione! Per “dieci migliori film” non si intendono necessariamente i più belli, ma i più importanti, quei film cioè che, per un motivo o per un altro, hanno influenzato e dato un forte contributo alla storia del cinema, o sono stati innovativi o particolarmente rappresentativi di un periodo o di un sottogenere.

M il mostro di Dusseldorf1 M – Il mostro di Dusseldorf (M) – Fritz Lang (1931): A Berlino si aggira una piccola, malvagia e mediocre figura che uccide i bambini. Polizia e criminali gli danno la caccia separatamente. Un capolavoro dell’espressionismo, ma anche uno dei più grandi film della storia del cinema. Un trattato sul bene e il male, carico di simbologia e governato da una tecnica straordinaria.

La scala a chiocciola2 La scala a chiocciola (The Spiral Staircase) – Robert Siodmak (1945):
In questo classico del genere, uscito un anno prima di Lo specchio scuro, dello stesso regista, viene formalizzata forse per la prima volta al cinema la figura del serial killer, in questo caso qualcuno che prende di mira le donne con disabilità. Salvo una piccola introduzione, la storia si svolge interamente tra le spaventose mura di una vecchia villa, dove qualcuno cela un segreto.

Vite vendute3 Vite vendute (Le salaire de la peur) – Henri-Georges Clouzot (1953): Un classico della tensione, che racconta il periglioso viaggio di un gruppo di avventurieri di diversa nazionalità che accettano di trasportare un carico di nitroglicerina. Il fatalismo nel loro cammino si mostrerà ad ogni passo, fino alla tragedia.

La morte corre sul fiume4 La morte corre sul fiume (The Night of the Hunter) – Charles Laughton (1955): Una fiaba nera sul coraggio di due bambini che si trovano a dover scappare da un orco con le sembianze da uomo. Unico, indimenticabile capolavoro diretto da Charles Laughton, con una fotografia straordinaria e innumerevoli momenti classici.

Vertigo5 La donna che visse due volte (Vertigo) – Alfred Hitchcock (1958): Il maestro del brivido in quello che è considerato forse il suo capolavoro assoluto. Salendo ad altezze vertiginose, un uomo rischia di perdere se stesso in preda a visioni e ossessioni. C’è il dramma, la tensione, il senso di perdita, e c’è anche il simbolo della spirale, come in La scala a chiocciola, rappresentazione dell’abbandono e della perdita di sé.

L'occhio che uccide6 L’occhio che uccide (Peeping Tom) – Michael Powell (1960): E il simbolo torna ancora profondamente nell’ultimo capolavoro del regista di Scarpette rosse. Qui, con stupefacente anticipo sui tempi, si racconta una malata ossessione verso il culto dell’immagine, con la telecamera dell’assassino che, sia testimone che predatrice, stringe sulle vittime al momento dell’uccisione.

Va' e uccidi7 Va’ e uccidi (The manchurian candidate) – John Frankenheimer (1963): La Guerra Fredda e la paura delle infiltrazioni sovietiche in un thriller serrato e crudele. Un uomo a cui è stato fatto il lavaggio del cervello risponde ad alcuni impulsi che lo trasformano in un assassino. Angela Lansbury appare come madre dell’uomo in un ruolo diabolico.

Duel8 Duel – Steven Spielberg (1971): Scarno ed essenziale, ma la tensione si genera soprattutto dalla situazione in sé, dall’immediato, e non tanto dall’intreccio e dalla storia. Per questo motivo un mostruoso camion, di cui non vedremo mai il guidatore, può diventare uno dei più spietati killer di sempre. 

Il silenzio degli innocenti9 Il silenzio degli innocenti (The silence of the lambs) – Jonathan Demme (1991): Il secondo film sul personaggio di Hannibal è anche il più noto della serie. Merito di una coppia di protagonisti in stato di grazia come Anthony Hopkins e Jodie Foster. Il film che fonda il mito di uno dei killer più famosi della storia del cinema.

I soliti sospetti10 I soliti sospetti (The usual suspects) – Bryan Singer (1995): Chi è Kayser Soze? Su questa domanda verte un interrogatorio che si trasforma presto in qualcosa di più. Una sceneggiatura perfetta, che stordisce e incuriosisce fino ad un epilogo tra i più famosi di sempre.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...