Lilo & Stitch (2002): recensione

All’epoca ci pensarono i trailer del film a mostrare il personaggio di Stitch come la pecora nera della famiglia Disney. L’alieno blu appariva per interrompere dei momenti topici dei recenti film dello Studio, come il ballo della Bella e la Bestia, o il viaggio sul tappeto volante di Aladdin e Jasmine. Ancora una volta, e in maniera sempre più esplicita, la Disney punta sul revisionismo, cerca di convincere gli spettatori e se stessa, di non essere più la casa dei buoni sentimenti e della dolcezza. L’anno precedente era arrivato il ciclone Shrek, e sembrava impossibile continuare a prendersi sul serio dopo che l’orco verde si era, letteralmente, pulito il didietro con le fiabe classiche. Lilo & Stitch è quindi una storia moderna, che fonde il tema della famiglia e dell’appartenenza con una storia di fantascienza non troppo originale.

lilo & stitch

Un terribile esperimento genetico di nome 626 sfugge alla sua prigionia e precipita sulla Terra, precisamente alle Hawaii. Nessun film d’animazione era mai stato ambientato nell’arcipelago, forse perché troppo caratteristico, forse perché il luogo avrebbe preso il sopravvento sulla storia. La prima vittoria del film è questa: riuscire a integrare l’ambiente, e i bellissimi sfondi colorati con gli acquerelli, con una storia valida e riuscita. Stitch è stato creato per distruggere, ma alle Hawaii si trova in difficoltà: non ha nulla da fare a pezzi! Verrà adottato come cucciolo dalla piccola Lilo, orfana in procinto di essere separata dalla sorella e affidata ai servizi sociali.

La storia al centro di Lilo & Stitch ha due facce ben separate. La prima, quella più divertente e banale, legata alla vicenda dell’alieno e della spedizione di recupero che vede due goffi extraterrestri cercare di catturarlo. In realtà non c’è nulla di sbagliato in questa trama: è divertente, è ben raccontata, ha il giusto equilibrio tra già visto e originalità (i riferimenti sono ovviamente E.T. ma anche Critters). Ma quello che dà il vero valore aggiunto al film è il suo lato più nascosto, quello tenuto lontano dai trailer, dai manifesti e da tutto il materiale promozionale.

Lilo & Stitch è innanzitutto un film sui rapporti familiari. Il dramma intenso e vero è quello che si accompagna alla visita dell’alieno. Lilo e sua sorella Nani sono orfane, sono sole. Lilo è una bambina isolata, un po’ iperattiva, che passa dalla malinconia all’euforia, Nani si fa in quattro per mantenerle entrambe e per non farsi portar via la sorella dai servizi sociali. E il loro rapporto è costruito e raccontato splendidamente: Lilo & Stitch è un film praticamente invisibile tra i più di cinquanta realizzati dalla Disney, eppure è forse quello che contiene il rapporto umano più profondo, realistico e toccante. Da riscoprire.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Classici Disney, Speciali e saghe. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Lilo & Stitch (2002): recensione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...