I 10 migliori film del 2013

Piccola premessa: questo è il solito elenco di dieci film migliori dell’anno, uguale ai mille altri sparsi per la rete da una decina di giorni a ora. Non ha nulla che lo distingue da questi se non il criterio utilizzato. Magari non ci farete caso, ma il 99% di queste classifiche tiene in conto solo i film usciti in Italia nel corso dell’anno appena terminato. Risultato immediato, a causa della lentissima distribuzione di titoli, soprattutto di quelli migliori, nel nostro Paese, è che la maggior parte di questi elenchi contengono film soprattutto del 2012, o peggio ancora, di anni molto lontani. Non è un criterio né giusto né sbagliato, ma non mi appartiene e non dovendo, in fondo, dar conto a nessuno delle mie scelte, ho preferito invece fare un elenco dei film effettivamente usciti nel proprio Paese, o presentati, nel 2013. Non troverete quindi The Master, Django Unchained, Zero Dark Thirty (che tanto mantengono il loro grande valore a prescindere dalla loro presenza o meno in questo elenco invisibile), né ovviamente Kiki – Consegne a domicilio (addirittura del 1989) o il bellissimo Wolf Children. In ogni caso solo tre di questi film non sono stati distribuiti, per il resto mi dispiace solo di non aver visto ancora l’ultimo di Miyazaki o Heimat 4 di Reitz. Buona lettura e buon anno!

il caso kerenes
10 Il caso Kerenes (Poziţia copilului) – Calin Peter Netzer: Il regista rumeno costruisce con asciuttezza una riflessione familiare che al tempo stesso diventa metafora di una nazione e del suo sofferto processo di transizione verso una nuova consapevolezza di sé. (recensione)

Miss Violence
9 Miss Violence – Alexandros Avranas: La difficilissima congiuntura attraversata dalla Grecia si riversa su una famiglia tipo sulla quale si abbatte una terribile tragedia.

upstream color
8 Upstream color – Shane Carruth: A nove anni da Primer, Carruth costruisce un nuovo piccolo universo, non necessariamente verosimile, ma adatto a veicolare le sue tematiche. Una riflessione sull’eterna circolarità di vita e morte, forse sul rapporto tra creatore e creato. (recensione)

Before-Midnight
7 Before Midnight – Richard Liklater: Il terzo capitolo della storia amorosa di Jesse e Celine ci racconta una nuova fase del loro rapporto, forse meno ingenua e passionale, ma sempre universale, intelligente e godibile. (recensione)

prisoners
6 Prisoners – Denis Villeneuve: Un thriller d’autore, che non tradisce il genere, ma lo sfrutta pienamente per costruire dei caratteri tormentati, affondati in un ambiente grigio e opprimente. Diretto e interpretato benissimo. (recensione)

only-god-forgives
5 Solo Dio perdona (Only God Forgives) – Nicolas Winding Refn: Tutti si aspettavano il sequel di Drive, e invece il regista danese ha stupito tutti, andando contro pesanti stroncature, con un film completamente diverso. Pesante violenza, cromatismi spinti all’eccesso, forse un complesso d’Edipo  e la solita grande regia per uno dei film più belli dell’anno. (recensione)

12-Years-a-Slave
4 12 anni schiavo (12 years a slave) – Steve McQueen: Con il suo terzo film il regista di colore ha abbandonato i tormenti individuali per andare a raccontare una grande tragedia storica. La schiavitù raccontata senza retorica. (recensione)

Gravity
3 Gravity – Alfonso Cuarón: Blockbuster d’autore. Ancora una volta lo spazio diventa il luogo dell’assoluto e dell’ignoto, un posto nel quale poter costruire la propria rinascita umana e spirituale. Una regia straordinaria con dei pianisequenza che ricorderemo a lungo completa questo grande film, tra i più intensi dell’anno. (recensione)

il passato
2 Il passato (Le Passé) – Asghar Farhadi: Era difficile replicare un capolavoro come Una separazione. Forse Farhadi non c’è riuscito, ma il risultato non fa certo rimpiangere il film precedente. Un fantastico lavoro di scrittura, interpretazione, regia, un melodramma straordinario sui segreti, sui rapporti, sull’impossibilità di lasciare indietro il passato. (recensione)

la-vie-d-adele
1 La vita di adele (La Vie d’Adèle) – Abdellatif Kechiche: Il sapore della vita e della giovinezza come raramente si era visto raccontare al cinema. Da una graphic novel arriva il film vincitore della Palma d’Oro a Cannes, sicuramente il film migliore dell’anno e uno dei più memorabili degli ultimi anni. (recensione)

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Cinema. Contrassegna il permalink.

2 risposte a I 10 migliori film del 2013

  1. slec1 ha detto:

    i tuoi primi tre mi sono piaciuti moltissimo:)

  2. Alissa ha detto:

    Ma per quanto riguarda la “The Wolf Of Wall Street” ( http://www.itafilm.video/780-the-wolf-of-wall-street-2013-streaming-ita-18.html ) ????

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...